Blogging tips

24 marzo 2009

Louis Vuitton il Baule

Image and video hosting by TinyPic

Il protagonista principale della produzione di Louis Vuitton è senza ombra di dubbio il BAULE, effettivamente, nell’ 800, ovvero quando Vuitton intraprende la sua attività, questo accessorio si rivelava indispensabile per trasportare i propri indumenti data la circostanza che i viaggi duravano in media alcuni mesi.

Oggi ci sono le valigie e i viaggi si riducono a brevi spostamenti, ma Vuitton continua a produrre in media 500 bauli l’anno, i quali non soddisfano più la necessità di custodire i guardaroba ma sono diventati veri e propri oggetti d’arte usati, per lo più per abbellire la propria casa.

A più di un secolo dalla loro creazione, le modalità di produzione, tuttavia, sono le medesime. Realizzati presso Asnières-Sur-Seine, sono caratterizzati da una struttura in okoumé, un legno africano con la caratteristica di essere solido e leggero allo stesso tempo, anche le cerniere sono frutto di un minuzioso lavoro d’artigianato, e si appoggiano su due lembi tela uno interno e uno esterno.

Il rivestimento esterno, solitamente in tela monogrammata o in Damier, è incollato alla struttura. Anche la cura degli angoli è impressionante, realizzata in ottone o pelle lavorati a pressione calda o fredda tramite uno stampo. La rifinitura dei bordi, lozine, è composta da diversi strati sia di carta che di tessuto pressati insieme e immersi, successivamente in una soluzione a base di zinco.

La fase successiva consiste nell’inchiodare la cintura di legno di pioppo intorno al baule, la lozine ai bordi e il rivestimento agli angoli. Per quanto riguarda l’interno, esso è composto da cotone color grigio-perla chiamato Vuittonitte o, in alternativa, da alcantara. Tali materiali vengono incollati e si questi vengono fissate le cinghie, in tela di cotone color Kaki con ricamata la scritta Louis Vuitton, che hanno la funzione di tenere saldi gli oggetti all’interno del baule.

Infine, il baule viene pulito e confezionato..... ed ecco la nascita di uno degli oggetti più desiderati.

Immagini:primardeco.com

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis